Back to (Old) School


Ehhhhh ogni anno in questo periodo mi viene inevitabile non correre con la mente agli anni spensierati della mia vita da liceale (ormai è già qualche stagione che non calco quella passerella) quando, nonostante il melodramma fosse all’ordine del giorno come ogni adolescente che si rispetti, tutto sembrava più intenso e meraviglioso.

Per carità, non fraintendetemi, non mi mancano assolutamente le interrogazioni a sorpresa di matematica e i rompicapi rappresentati dalle traduzioni di greco e latino.

Però l’autunno era sempre un periodo speciale a metà tra la malinconia per la fine di un’altra estate (e delle vacanze!) e la gioia di un nuovo inizio perchè ogni anno che passava rappresentava anche un grosso cambiamento, un passo in più verso gli anni della maturità (almeno così pensavo, in realtà nonostante le mie quasi venticinque primavere sono ancora in attesa della saggezza che dovrebbe andare di paripasso con le rughe).

La cosa che più tra tutte mi manca di quel periodo era lo shopping che inevitabilmente accompagnava ogni inizio anno. Mi divertiva andare in cerca di diario, matite, penne e quaderni dalle copertine più originali.

Una cosa però non è mai cambiata in cinque anni di scuola superiore e cioè il mio amatissimo zaino Eastpack rosso scuro che mi ha accompagnata in tutte le mie avventure adolescenziali, primi viaggi e amori compresi.

Per questo il primo articolo di questa nuova stagione autunnale lo voglio dedicare all’accessorio a cui sono più affezionata e che più di ogni altro mi ricorda quei begli anni: lo ZAINO!

image             image (2)

Finiti nel dimenticatoio all’inizio del nuovo millennio erano stati confinati esclusivamente ad un uso prettamente accademico, al massimo si poteva vedere qualche rarissimo esemplare di zaino Invicta durante le scampagnate in montagna con gli amici ma avvistamenti del genere erano molto più rari di quelli di Big Foot.

Lentamente ma inesorabilmente lo zaino è riuscito a tornare sulla ribalta grazie all’arte del riciclo praticata dai così detti hipsters, esemplari di modaioli made in London che amano particolarmente lo stile “questo sembra abbastanza out da poter essere cool” a metà tra l’anacronistico e il nerd chic.

Gli hipsters, inoltre, hanno come hobby quello di sfrecciare per la metropoli inglese con le loro bici (rigorosamente fixie, le Grazielle non sono accettate grazie) e hanno sempre molte cose da portare con sé: libri di autori alternativi mai aperti ma da tenere sul tavolo della loro caffetteria vegana preferita, macchina fotografica possibilmente analogica per darsi un tocco da artista incompreso, immancabile Mac laptop per fare finta di scrivere le proprie memorie mentre in realtà stanno aggiornando il loro profilo Facebook.

Insomma, non solo le ragazze ma anche i ragazzi appartenenti alla suddetta specie sentirono ad un certo punto il bisogno impellente di cercare un contenitore abbastanza comodo e allo stesso tempo virile che gli permettesse di tenere le mani saldamente ancorate al manubrio dei loro amatissimi e costosissimi mezzi di trasporto su due ruote.

Cosa poteva esserci di abbastanza fuori moda da poterli rendere originali? In principio furono le cartelle (vintage ma meglio se nuove-finte-vintage marchiate Cambridge Satchel) poi anche quelle risultarono essere ancora piuttosto scomode così ecco l’illuminazione: lo zaino.

Ovviamente i marchi conosciuti (Eastpack, Invicta, Seven) risultarono essere troppo sdoganati per gli hipsters che andarono alla ricerca di nuovi marchi emergenti o marchi storici ma riservati ad un uso tecnico che quindi non fossero arrivati alle masse plebee non-hipster.

Quindi mi dispiace miei cari nerd ingobbiti dai vostri zainoni anni Novanta purtroppo nonostante voi gli occhiali li portiate per necessità e non per vezzo e nonostante voi leggiate veramente Shopenauer e Kafca nel vostro tempo libero, siete ancora troppo out per essere considerati degni di fare parte della sacra cerchia hipster.

I marchi più cool ora sono Kanken, Herschel e Rains, diventati talmente popolari da aver perso il loro status di originalità tanto ricercato dagli hipsters (ma questo è meglio tenerlo per noi altrimenti potremmo causare loro una grave crisi d’identità).

Presi singolarmente mi sento di suggerire gli zaini Kanken per le più modaiole perchè può essere comodamente portato come una borsa mantenendo, all’occorrenza, tutta la comodità di uno zaino.

La Herschel fa zaini molto più maschili a mio parere quindi vanno bene per le più sportive che però ci tengono a mantenere sempre un certo stile anche in tuta da ginnastica.

Gli zaini Rains, infine, sono una scoperta che ho fatto recentemente e devo dire che hanno davvero un design molto interessante.

La forma richiama quella di una cartella il che gli da quell’aria vintage tanto amata dagli hipsters ma il materiale è una gomma di silicone molto particolare che lo rende un accessorio molto pratico per gli acquazzoni londinesi ma anche avveniristico.

Al di là dei miei amici hipsters che spero vorranno perdonare il mio pungente senso dell’umorismo, lo zaino resta sempre un accessorio molto utile nella vita frenetica della città dove solitamente con una mano mandi mail dal telefono e con l’altra bevi il tuo caffè take away il tutto mentre rincorri il bus per andare al lavoro.

Una borsa a penzoloni sulla spalla che rischia di cadere ogni cinque minuti (facendoti così perdere telefono, caffè e anche bus) non è assolutamente la scelta migliore ecco perchè persino io sto prendendo in considerazione l’idea di munirmi di zaino sulle spalle (Kanken Classic Blue Royal) così da alleggerirmi un pochino la giornata e anche come sorta di promemoria verso i miei anni da studentessa per ricordarmi di continuare a riempire quello zaino non solo di pesi ma anche di sogni da realizzare.

Edited By Beatrice Gerardi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...